Modelfoxbrianza Modellismo Ferrari Modellismo Tutorial Campionato del Mondo di F1 Database Ferrari Storia Ferrari Ferrari &...altro Mail Modelfoxbrianza Modellismo Ferrari Campionato del Mondo di F1 Database Ferrari Storia Ferrari Ferrari &...altro La Ferrari vista attraverso Modellismo, Storia e Passione



Prima parte


Ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2
Ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2


Un libro dalla copertina patinata verde donatomi nel 1998 dall'allora Presidente della S.I.A.S. Ing. Giuseppe Bacciagaluppi. Impressa su di essa una pista strana: sembra la pista di Monza, ma ha qualche curva e rettilineo in più dell'attuale pista. Stampata in bella mostra nella prima pagina dell'affascinante pubblicazione, una frase che mette in risalto tutta l'eccitazione del momento:

"Con viva emozione e compiacimento, presento al mondo degli sportivi il progetto di un nuovo autodromo che dovrà nascere al posto di quello di Monza: con emozione, perchè il pensiero che il glorioso impianto nel quale si sono vissute importanti tappe della nostra vita sportiva e tanti illustri campioni si sono cimentati, anche fino all'estremo sacrificio, un giorno diverrà cosa passata; con compiacimento, perchè questo importante studio preliminare che, compendiando tutte le esperienze acquisite nelle corse automobilistiche, realizza una sintesi tecnica, funzionale e sportiva di grande valore tanto da costituire, a mio giudizio, una validissima indicazione per chiunque volesse accingersi a studiare la realizzazione di un nuovo autodromo.
Le mie più vive congratulazioni dunque ai progettisti ed i migliori auguri agli amici dell'Autodromo di Monza."

Principe Paul von Metternich - Presidente Federazione Internazionale dell'Automobile


La planimetria degli impianti di Monza2

La planimetria degli impianti di Monza2


Il volume "Monza2"
 
Il volume "Monza2"

L'area studiata per la costruzione

 
L'area studiata per la costruzione

 Il disegno di progetto 


Il disegno di progetto 


Monza2: ovvero un secondo Autodromo Nazionale dove far correre le vetture a più di 300 km orari. Ma perché una seconda Monza quando il vero Autodromo, il primo, l'evoluzione del 1922, è lì già costruito e funzionante?
Siamo nel 1978 e il contratto dell'impianto sportivo di Monza sta per scadere e presumibilmente la vecchia pista e i rispettivi impianti verranno abbattuti, ridonando al Parco Reale gli ettari di terreno sottratti. Il periodo politico mostra uno scenario di indecisione da parte degli Enti preposti al buon funzionamento dell'Autodromo e nessuno si vuole prendere la responsabilità di una decisione, di una scelta per questo tempio dell'automobilismo mondiale. Da più parti si parla di rinnovi del contratto, prima di un anno e poi per altri tre. L'allora Presidente della S.I.A.S., Ing.Giuseppe Bacciagaluppi, cerca in tutti i modi una via di fuga per risolvere il problema, ma già a quei tempi, l'opposizione da parte degli ecologisti è forte, tanto da volere eliminare dal Parco Reale tutti i "corpi estranei", come venne definito l'Autodromo di Monza da Autosprint in quegli anni. La battaglia in atto è palpabile e per nulla nascosta anche dagli articolisti della nota rivista di automobilismo, che nel pieno della libertà di stampa, non risparmiano commenti per nessuno.


Pieghevole degli impianti sportivi di Monza2

Pieghevole degli impianti sportivi di Monza2


Scrive Camillo Ripamonti, Presidente dell'Automobile Club di Milano:

" Perchè Monza2? La risposta a questa domanda viene da lontano, cioè dagli inizi degli anni '70 quando nelle Amministrazioni Comunali di Monza e di Milano, si manifestarono dubbi sulla possibilità che l'Autodromo continuasse a esercitare le sue attività nel Parco di Monza di cui sono proprietarie e la cui destinazione sarebbe incompatibile con tale attività. E anche se, più recentemente delibere dei due Consigli comunali hanno stabilito che il contratto d'affitto per l'autodromo debba aver fine nel 1978, dichiarazioni favorevoli alla sua permanenza per un certo numero di anni, sono state rilasciate da autorevoli rappresentanti del Comune di Milano, dalla Regione Lombardia e della Provincia di Milano.
Come conseguenza di questa discordanza di opinioni, l'autodromo ha cominciato a vivere nella più completa incertezza sul proprio futuro, senza quindi poter apportare quei miglioramenti che l'evoluzione delle macchine, delle competizioni e delle esigenze del pubblico richiederebbero".


Pieghevole con veduta box
Pieghevole con veduta box
e Direzione gara

Veduta delle tribune centrali e
Veduta delle tribune centrali e
dellapista di atletica leggera

Planimetria dell'impianto
Planimetria dell'impianto


L' Automobile Club di Milano si adopera a questo punto per trovare una nuova sistamazione per l'Autodromo, creando una commissione a doc di architetti, incaricati dello studio di una possibile nuova sistemazione dell'Autodromo stesso. Il trio formato dagli architetti Bacigalupo, Ascarelli e Cappato, studiano una decina di possibilità di luoghi dove spostare gli impianti nel raggio possibilmente di 150 km dal "vecchio" Autodromo, tenendo conto della distanza stradale dal centro di un aglomerato urbano di almeno un milione di abitanti, non superiore a 35-40 Km, calcolando anche la distanza in linea d'aria di 10-15 Km dal più vicino ospedale. Inoltre è essenziale per il buon funzionamento dell'impianto, la vicinanza di autostrade, aeroporti e ferrovie, oltre ad altre vie di comunicazione, che consentano una raggiungibiltà ottimale alle migliaia di appassionati che vi si recheranno per vedere le gare.
Stava nascendo Monza2.


Le aree oggetto di studio sono da ricercarsi in un ventaglio di 180° attorno a Milano. Lo studio portò ad identificare le seguenti soluzioni: la prima. nelle vicinanze di Somma Lombarda, in provincia di Varese; una seconda nelle zone del Parco del Ticino, altre due nelle vicinanze di Bergamo, un'altra ancora vicino a Sesto San Giovanni. Anche i Comuni di Vimercate e Gorgonzola vennero interessati dalla ricerca.


Vista d'insieme della ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2
Vista d'insieme della ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2
Vista d'insieme della ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2
Vista d'insieme della ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2

Viste della ricostruzione in scala 1:1000 di Monza2


Come dovrà essere il nuovo Autodromo


Nel volume Monza2 edito nel 1978, gli autori hanno tracciato un quadro ben definito di come dovrà essere il nuovo impianto sportivo. Riportiamo a carattere storico quanto venne scritto nel progetto, in modo da capire al meglio le intenzioni dei progettisti della Commissione Sportiva dell'Automobile Club.

La pista e gli impianti accessori

Il disegno della pista deriva da molteplici esigenze che possono essere qui brevemente raccolte nelle due principali: la prima, espressa ai progettisti della Commissione Sportiva dell'Automobile Club che ha interpretato i comuni sentimenti degli appassionati, è che la conformazione della pista, pur adeguandosi a tutte le innovazioini tecniche di regola, non si discosti troppo dall'immagine dell'Autodromo Nazionale di Monza, che ormai rappresenta tradizionalmente, un simbolo non solo per il pubblico italiano, ma anche per gran parte di quello straniero.
Dopo molteplici tentativi, il progetto ha definito un circuito costituito da due anelli uno interno all'altro intersecantisi a diverso livello mediante una struttura a ponte.

Notevoli le somiglianze con il "vecchio" Autodromo di Monza
Le curve a nord del circuito
Vista del sottopasso
Il rettifilo, le tribune e l'Area Servizi

Notevoli le somiglianze con il "vecchio" Autodromo di Monza


Lo studio della seconda esigenza, voluta visto l'evolversi del mezzo tecnico, vedrà un tracciato di lunghezza di 6.975 metri, molto variato nel disegno, distribuendo 11 curve destre e 5 sinistre con varia ampiezza e grado di difficoltà. Verranno utilizzati entrambi gli anelli che corrono paralleli per un tratto di 700 metri. La pista ha mantenuto la larghezza di quella di Monza, con un valore costante di 12 metri. L'attuale Pista Junior, lascierà il posto ad un tracciato quasi identico, stimato in 2200 metri di lunghezza. Il progetto prevede anche una serie di attrezzature per controllare il corretto svolgimento delle gare, anche in funzione della sicurezza dei piloti, con un ausilio costante da parte dei mezzi di emergenza, prescritte dal C.S.I e così definite:
a) posti di percorso collegati tra loro e alla direzione di gara mediante rete telefonica in cavo;
b) rete di strade a due sensi di marcia per i servizi di emergenza, riservate esclusivamente a loro, fiancheggianti la pista lungo uno dei lati del tracciato principale, munite di accessi protetti dalla pista e collegate in più punti con raccordi a bretella al centro di servizio generale, provvisto di ospedaletto e pronto soccorso e rianimazione e di un eliporto;
c) impianto di segnalazioni luminose, destinate alle sole segnalazioni collettive di avvertimento, divieto di sorpasso, arresto ecc..;
d) segnalazioni fisse d'avvicinamento alle curve;
e) impianto televisivo a circuito chiuso e impianto di altoparlanti collegati alla direzione gara ed alla cabina del commentatore;
f) due ubicazioni per base cronometrata per prove di accelerazione sul quarto di miglio;
g) segnalazioni sull'andamento della gara per il pubblico. continua...





LEGENDA del Diorama
  PISTA
  PERCORSI PEDONALI
  PERCORSI DI SERVIZIO
Le immagini tratte da Monza2 sono di proprietà dell'Autodromo Nazionale di Monza

pagina pubblicata il 17/4/2006








Nota: per la visione ottimale degli ultimi aggiornamenti, si consiglia agli utenti che hanno salvato nella cache le pagine del sito di eseguire un refresh della pagina interessata, garantendosi così, vista la diversità dei browser usati, sempre la versione aggiornata. E' vietata la riproduzione del website www.modelfoxbrianza.it senza il consenso dell'autore, che può tuttavia autorizzare a citare le parti dell'opera che possono interessare, rispettandone però la paternità di essa, per non incorrere nel plagio letterario, contemplato dalla Legge 22 aprile 1941 n°633, e successive modifiche e integrazioni. Gli Autori delle fonti bibliografiche e iconografiche sono citati nella sezione Bibliografia del sito. Si ringraziano anticipatamente gli autori dei testi che hanno citato come fonte, dopo le loro ricerche bibliografiche, il presente sito web.
ATTENZIONE: sono in circolazione nel web molti spam con oggetto info@modelfoxbrianza.it. Siete pregati di cestinare senza aprire gli applicativi di queste e-mail, in quanto potrebbero essere dannose ai Vs. personal computer. Ogni abuso verrà segnalato all'organo di competenza
Le pubblicità presenti in questa pagina sono solo a scopo divulgativo e non hanno carattere di lucro. Il website Modelfoxbrianza.it viene aggiornato senza nessuna periodicità, quindi non rappresente una testata giornalistica - (Legge 7 marzo 2001, n°62). -
RIPRODUZIONE RISERVATA